Ti teniamo aggiornato su tutto ciò che accade
Le notizie più rilevanti a livello fiscale, legale, contabile, lavorativo e agricolo.
Servizi di dimissioni urgenti 24h
Accedere
Budget senza impegno
Chiedi
Servizio di seconda possibilità
Accedere
El Gobierno ya trabaja en la reforma del Reta
Juan Carlos Gimeno Núñez
,
22
de
February
,
2020
Leer noticia
Quitar

El Gobierno ya trabaja en la reforma del Reta para implantar la cotización por ingresos reales de los trabajadores autónomos. Una medida con la que podría recaudar a través del régimen de autónomos hasta un 50% más de los ingresos que recauda por esta vía, unos 5.055,95 millones de euros más cada ejercicio. Según los cálculos, cuando esta medida entre en vigor, la cual se espera tener lista para comienzos de 2022, hasta 2,1 millones de trabajadores verían reducirse su cotización mensual, mientras que las asociaciones representantes de los trabajadores autónomos calculan que hasta 700.000 verían incrementar sus aportaciones al Sistema.

Garantía empleo ERTE
Dpto. Laboral
,
20
de
January
,
2020
Leer noticia
Quitar

La prohibición de despedir en las empresas acogidas a un ERTE, hasta transcurridos seis meses desde el día en que incorporaron al primer trabajador, acabará en manos de los jueces del Tribunal de Justicia de la Unión Europea (TJUE). Diversos magistrados consultados reconocen la profunda división doctrina que se ha producido entre los magistrados de la jurisdicción social y algunos han reconocido la posibilidad de elevar una cuestión prejudicial a sus colegas comunitarios para que interpreten si la legislación española se ajusta al Derecho de la UE.

Juan Carlos Gimeno Núñez
,
2
February
,
2020
Leggere
Rimuovere

Il Governo sta già lavorando alla riforma del RETA per introdurre il contributo al reddito reale dei lavoratori autonomi. Una misura con la quale potrebbe raccogliere attraverso il regime dei lavoratori autonomi fino al 50% in più del reddito che raccoglie in questo modo, circa 5.055,95 milioni di euro in più ogni anno. Secondo i calcoli, quando entrerà in vigore questo provvedimento, che dovrebbe essere pronto entro l'inizio del 2022, fino a 2,1 milioni di lavoratori vedrebbero ridotto il proprio contributo mensile, mentre le associazioni rappresentative dei lavoratori autonomi stimano che fino a 700.000 vedrebbero un aumento dei loro contributi al Sistema.

Il divieto di licenziamento nelle aziende coperte da ERTE
Dipartimento del lavoro
,
20
January
,
2020
Leggere
Rimuovere

Il divieto di licenziamento nelle aziende coperte da ERTE, fino a sei mesi dopo il giorno in cui hanno incorporato il primo lavoratore, finirà nelle mani dei giudici della Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE). Diversi magistrati consultati riconoscono la profonda divisione dottrinale che si è verificata tra i magistrati della giurisdizione sociale e alcuni hanno riconosciuto la possibilità di sollevare una questione preliminare ai loro colleghi della comunità in modo che possano interpretare se la legislazione spagnola è in linea con il diritto dell'UE.

Il Ministero delle Finanze vuole avviare quest'anno la sua annunciata riforma fiscale
Juan Carlos Gimeno Núñez
,
13
January
,
2020
Leggere
Rimuovere

Il Ministero delle Finanze vuole avviare quest'anno la sua annunciata riforma fiscale in cui proporrà, tra le altre misure, un aumento delle tasse speciali, in particolare quella imposta sul consumo di tabacco, nonché una revisione del sistema di moduli per i quali molti si auto -lavoratori occupati e un ripensamento delle detrazioni che attualmente esistono in imposta sulle società, secondo fonti di questo dipartimento. Per quanto riguarda l'IVA, il Tesoro vuole analizzare l'imposta "con calma", anche se ammette che la Spagna fa un uso maggiore di aliquote ridotte rispetto ad altri paesi europei e che la riscossione di questa tassa in relazione al PIL è inferiore alla media dell'UE. Armonizzare le tasse gestite dalle comunità autonome, nello specifico Successioni e Donazioni, e Patrimonio, è un altro degli obiettivi della riforma fiscale che il Governo vuole approvare quest'anno, oltre ad analizzare quali sono i dati fiscali più appropriati per tassare il patrimonio.

Asufin ha vinto una class action che andrà a beneficio di tutti i mutuia
Juan Carlos Gimeno Núñez
,
26
October
,
2020
Leggere
Rimuovere

Asufin ha vinto una class action che andrà a beneficio di tutti i mutui che hanno pagato le spese di costituzione e che hanno firmato i prestiti prima dell'entrata in vigore della legge sui contratti di credito immobiliare nel giugno 2019, senza la necessità di litigare per essa. Secondo la sentenza della Corte Suprema, le spese iniziali non dovrebbero essere interamente applicate ai consumatori. Con la nuova legge sui mutui, le banche sono obbligate a sostenere questa spesa. Ora, l'azione collettiva di cessazione presentata da Asufin è stata vinta davanti alla Corte Mercantile numero 11 di Madrid contro Kutxabank, Banco de Caja España de Inversiones Salamanca e Soria (ora Unicaja Banco), ING Bank e Deutsche Bank.

Il progetto di legge contro la frode fiscale comporterà un forte aumento delle tasse
Gonzalo Romero
,
15
October
,
2020
Leggere
Rimuovere

Il disegno di legge contro le frodi fiscali comporterà un forte aumento delle tasse sul Patrimonio e di quelle cifre relative al trasferimento di immobili. La normativa consolida le elevate valutazioni delle Tesorerie regionali. Il testo formalizza, contrariamente ai criteri della Suprema Corte, che il Catasto stabilisce il valore dell'immobile che funge da base imponibile nel calcolo della liquidazione delle imposte. Il Governo scarica così la stima nel cosiddetto Market Reference Value (VRM), calcolato dal Catasto attraverso una serie di variabili che consentono alle Tesorerie regionali di superare il valore reale degli immobili. Nella maggior parte dei casi, il valore non corrisponde a quello dell'atto e può superare il vero prezzo di mercato dell'immobile, quindi si richiedono più tasse.

Due decreti reali sono stati approvati a seguito dell'Accordo per la parità sul lavoro
Gonzalo Romero
,
14
October
,
2020
Leggere
Rimuovere

Il Consiglio dei Ministri ha approvato due decreti reali derivanti dall'Accordo per l'effettiva parità tra donne e uomini sul lavoro, e concede lo status di legge ai regolamenti per la parità di remunerazione e per l'uguaglianza, concordati nell'ambito del dialogo sociale. Il regolamento per la parità retributiva prevede per tutte le aziende con più di 50 lavoratori l'obbligo di avere un registro delle retribuzioni per avvisare in caso di sopravvalutazione o sottovalutazione della posizione in base al genere. Le aziende devono predisporre un piano per la parità e svolgere un audit sulla remunerazione, ovvero una diagnosi della situazione retributiva e un piano d'azione per correggere le differenze e prevenirle. A loro volta, i Ministeri del Lavoro e dell'uguaglianza svilupperanno, per ordinanza ministeriale, strumenti modello che potranno essere utilizzati gratuitamente dalle aziende per la registrazione della retribuzione e la valutazione dei lavori al fine di avere una ripartizione delle informazioni dall'ordine professionale e dalle opere di pari valore. Le aziende devono avere piani di parità efficaci e specifici che enfatizzino la diagnosi con effetti reali e senza riprodurre gli stereotipi di genere. La natura negoziata che i piani per la parità dovrebbero avere sarà rafforzata, così vengono stabilite le regole di legittimazione e viene chiarita la procedura di negoziazione, in particolare nelle società che non hanno rappresentanti legali.

Il progetto di legge per combattere la frode fiscale inizierà il suo processo
Gonzalo Romero
,
14
October
,
2020
Leggere
Rimuovere

Il progetto di legge sulla prevenzione e la lotta alla frode fiscale inizierà il suo processo parlamentare. Modifica la limitazione del pagamento in contanti per alcune operazioni economiche che andranno da 2.500 a 1.000 euro, nel caso di operazioni tra imprenditori. Viene mantenuto il limite di 2.500 euro per i pagamenti effettuati da privati. A sua volta, il limite di pagamento in contanti viene ridotto da 15.000 a 10.000 euro nel caso di persone fisiche con domicilio fiscale al di fuori della Spagna. Con ciò si vuole limitare queste operazioni che, essendo in contanti, sono più difficili da rintracciare e possono quindi agevolare le frodi. Un altro provvedimento contemplato è il divieto per legge di condoni fiscali, che interesseranno grandi fortune e beni. Si riduce da un milione a 600.000 euro, importo il cui superamento comporta l'inserimento nell'elenco dei debitori dell'Erario. Un'altra misura è l'aggiornamento e l'espansione del concetto di paradiso fiscale, che ora è chiamato giurisdizioni non cooperative, un termine utilizzato a livello internazionale. Stabilisce inoltre il divieto del cosiddetto software a duplice uso, che consiste in programmi per computer che consentono la manipolazione della contabilità, tra le altre misure fiscali.

La Corte suprema ha dato un campanello d'allarme all'Agenzia delle entrate
Juan Carlos Gimeno Núñez
,
8
October
,
2020
Leggere
Rimuovere

La Cassazione ha dato un campanello d'allarme all'Agenzia delle Entrate chiedendo l'autorizzazione all'iscrizione di una società sulla base delle indicazioni di occultamento della fatturazione rispetto alla media del proprio settore. Nello specifico, la Seconda Sezione della Camera contenziosa-amministrativa ha annullato un'ordinanza giudiziaria che consentiva al Tesoro di effettuare una perquisizione fisica per vizi di motivazione, in quanto effettuata con la premessa che si trattava semplicemente di nascondere i dati di vendita mediante fatturazione al di sotto del media della concorrenza. La sentenza del 1 ° ottobre, stabilisce che "il presentimento o il presentimento dell'Agenzia delle Entrate" è fuori luogo per richiedere l'iscrizione di una società per possibile frode, anche se basata su statistiche.

Il lavoro inasprisce i controlli contro le aziende
Jorge Real
,
8
October
,
2020
Leggere
Rimuovere

Il lavoro inasprisce le ispezioni contro le aziende per la disconnessione digitale in pieno svolgimento del telelavoro. Gli ispettori ritengono che l'invio di e-mail fuori orario sia "molestia" e chiedono multe fino a 187.515 euro. L'Ispettorato ha iniziato ad aprire rapporti di allerta alle aziende per questo motivo. Il lavoro sottolinea che questa situazione "influisce sulla conciliazione della sua vita familiare e lavorativa e sulla dovuta privacy". In un verbale, l'ispettore propone che gli eventi siano classificati come "molto gravi" e invoca le norme sui casi di molestie

ES
EN
IT
FR